Maggiora bissa con la WRC

Visite: 193

La prima gara di stagione è, come d'obbligo per chiunque si intenda di Rally, il Rally di Montecarlo, o "Il Monte" per gli amici.
Gara difficile, disputata su un fondo misto asfalto/neve che obbligava ad essere attenti nella gestione e nell'assetto della macchina, chiamato a funzionare bene su entrambi i fondi.
Maggiora si è presentato al via con la ormai classica sua DS3 WRC, unica in gara con telaio Kilslot, che ha dimostrato un ottimo bilanciamento su entrambe le superfici ed una velocità decisamente notevole.

Tutti gli altri piloti invece hanno optato per il telaio Sloting Plus, chi per comodità e chi per motivi strettamente tecnici.

La gara però ha preso immediatamente la piega "solita", con Maggiora che va a vincere le prime due prove e guadagna subito 4.37" su Torchio (Fiesta Sloting Plus) al secondo posto.
Parte molto bene Bottino (Fiesta Sloting Plus), terzo sulla prima prova, ma si perde leggermente sulla seconda, mantenendo comunque il terzo posto assoluto, anche se a soli 0.16" da Massasso (DS3).
Poco più indietro, appena 0.41", seguono Paolo Vai (DS3 Sloting Plus) e Finale (Fiesta Sloting Plus) staccati di appena 0.33".
Gara nella gara tra i due debuttanti, con Tony Sorge (Fiesta Sloting Plus) che precede, a causa di qualche uscita di troppo, Luca Marchiaro (Fiesta Sloting Plus) di 22.39".

Sulla terza e quarta prova c'è stato qualche problema per Maggiora, che è andato a perdere quasi tutto il vantaggio nei confronti di Torchio, arrivando a precederlo solo più di 0.31".
Paolo Vai vince la quarta e sale in terza posizione ma il distacco dai due di testa è già scavato, 13.03" dal secondo, con Bottino quarto sempre molto vicino a 0.74" e Massasso quinto a 1.21".
Finale continua a "navigare a vista" e si trova sesto a 7.18" da Massasso.
Il duello tra i "rookies", nonostante il distacco iniziale, è tutt'altro che chiuso ed infatti ora Sorge è settimo ma con appena 0.10" di vantaggio su Marchiaro, in piena rimonta.
Ultime due prove prima del parco assistenza di metà gara e Maggiora rimette le cose a posto, vincendole entrambe e riportandosi a 4.56" di vantaggio su Torchio, che però regge il colpo e non perde troppo.
Finale ha un acuto sulla quinta prova, secondo scratch e sesto in generale, mentre Vai perde una posizione, scende in quarta, e si fa sopravanzare da Massasso, anche se solo di 0.40".
Bottino sbaglia troppo e precipita in quinta posizione a 2.72"  mentre Sorge e Marchiaro tornano a 9.60" di distacco tra loro.

Si va quindi al parco assistenza di metà gara con Maggiora saldamente in testa, seguito da un Torchio che non ne vuole sapere di lasciarlo andare.
Massasso sale in terza posizione e Vai sbaglia un po' troppo, scendendo in quarta ma con un distacco esiguo.
Bottino, quinto, è partito bene ma nelle ultime due prove prima del parco si è lasciato innervosire ed ha pagato cari gli errori, arrivando a precedere Finale di appena 1.65".
Sorge e Marchiaro fanno una gara tutta all'attacco per spuntarla tra i "rookies" e qualche errore dell'uno o dell'altro riapre la gara continuamente.

Nella pausa, le speciali vengono innevate e si passa al cambio gomme con le tassellate da neve. Essendo libere, ognuno può scegliere quello che ritiene il meglio per le condizioni del fondo e questo ha portato a più di un problema.

Problemi che sembrano però non influenzare Maggiora, che nelle successive tre prove fa letteralmente il vuoto, mettendo 15.34" tra lui e Torchio in seconda posizione e ben 32.28" su Vai in terza.. Regolarità e velocità sono state impressionanti da parte del driver di Montegrosso.
Torchio invece si trova in difficoltà con le gomme, che sembrano non tenere sul fondo innevato e pur riuscendo a tenere il passo, non riesce ad avvicinarsi a quello di Maggiora.
Vai commette un errore di troppo e perde 6.20" sull'ottava prova, mentre sulle altre riesce a contenere i danni salendo in terza posizione a 16.94" da Torchio. Massasso invece no, la vettura ha grossi problemi di gomme e non sta in strada, facendolo scendere in quarta posizione ma a 41.78" da Maggiora e 9.50" da Vai.
Continua anche la serie negativa di Bottino che perde un'altra posizione in favore di Finale, adesso quinto.
Marchiaro riesce anche a sopravanzare Sorge di 4.11", dimostrando che come predetto, questa gara del debutto è molto tirata tra loro.

Ultime due prove prima della power stage finale e le posizioni dei primi non cambiano, solo i distacchi con Maggiora a ritmo sempre più alto che domina la classifica con tranquillità e Torchio che controlla il distacco da Vai. Anche nelle posizioni di rincalzo non cambia nulla con distacchi ormai consolidati, tranne che nelle ultime due posizioni in cui Sorge sopravanza nuovamente Marchiaro di 0.35" sfruttando gli errori di quest'ultimo.

La Power Stage finale assegna punti ai primi cinque quindi i giochi non sono ancora chiusi. Si parte a classifica invertita con Marchiaro ad aprire le danze.
Maggiora vuole il bottino pieno e ci riesce, vincendo anche questa prova, con 1.01" su Vai che chiude la gara in terza posizione e 5.65" su Massasso, quarto in generale.
Torchio ancora in difficoltà con le gomme, porta a casa un quarto posto scratch ed un secondo assoluto, seguito da Bottino, quinto in power stage e sesto assoluto, a causa di qualche errore di troppo nella seconda parte di gara.

La classifica finale vede quindi il dominio di Maggiora e distacchi abbastanza marcati per gli altri a seguire, distacchi che però sono maturati principalmente sul fondo innevato, complici le scelte di gomme non per tutti ottimali.
Al rally di Svezia, la gara che seguirà, ci sarà del lavoro da fare da parte di tutti per ottimizzare le macchine e tentare l'assalto alla classifica.
I complimenti vanno a Tony Sorge e a Luca Marchiaro, nuovi arrivati che hanno battagliato per tutta la gara, scambiandosi più volte la posizione.