Torchio si laurea Campione della Winter Cup

Visite: 512

La finale del Campionato Gruppo C "Winter Cup", andata in scena a ranghi ridotti per vari motivi personali legati soprattutto al periodo dell'anno, ha consegnato nelle mani di Torchio la vittoria del Campionato e a Vai, forte dell'assenza di Massasso, la terza piazza alle spalle di Maggiora, già vincitore della "Winter Cup" nella categoria Rally.

Quella di giovedì 15 dicembre è stata, se così si può definire, una gara strana con 8 partenti ma con ben quattro piloti nuovi che hanno iniziato a darsi battaglia fin dai primi giri e con i "big" concentratissimi per non commettere errori o sbavature vista la posta in gioco.
Si parte da subito con una lunga sessione di prove libere di 1 ora che porta i concorrenti sulla linea di partenza del minuto di qualificazione alle ore 22:00. Come sempre questa fase viene estratta a sorte per evitare di penalizzare il primo che si presenta per i suoi giri cronometrati. Una buona prestazione di Michele impensierisce non poco chi deve ancora effettuare la propria qualifica. Si sa che in questa fase, concitata e molto limitata nel tempo, anche solo un'uscita di troppo potrebbe compromettere l'intera gara. Accade infatti proprio così a Torchio, con problemi alla vettura nel primi giri di qualifica, poi autorisolti,  che vede sfuggire la possibilità non solo della pole, andata a Finale con uno splendido tempo di soli 3 centesimi inferiore a quella di Vai, ma anche della scelta della corsia di partenza.
Maggiora, a soli 4 punti di distacco da Torchio esce dalle qualifiche con il terzo tempo e nella rotazione dei blocchi di partenza, si vede contrapposto proprio al suo diretto avversario Torchio, dovendo effettuare le sue run di gara nelle corsie estremamente più veloci o lente, rispetto a lui. Da qui qualche difficoltà a capire il reale andamento della gara, complici anche i giri si penalità che aumentano il gap fra i due.

Mentre nella prima batteria è Michele a farla da padrone con una condotta di gara pulita e cercando di limitare gli errori al minimo, nella seconda batteria i tempi si assestano ben presto a pochi centesimi l'uno dall'altro.
Maggiora si porta subito in vantaggio e recupera su Torchio i 2 giri di penalità. Anche nella seconda manche è Maggiora a dettare legge sulla corsia bianca mentre Torchio in gialla può solo controllare a distanza l'avversario cercando di perdere meno terreno possibile. Intanto nelle due corsie centrali Finale tenta un disperato recupero su Vai che comunque non molla vendendo cara la pelle. Passata la metà corsa Torchio va nelle due corsie più veloci e da questo momento tenta il tutto per tutto nel recupero su Maggiora.
Le posizioni sulla classifia assoluta sono labili e una vittoria in questa ultima gara, se sommata a qualche punto conquistato con eventuali giri veloci, potrebbe ribaltare la classifica.
Gli errori sono davvero pochi per entrambi anche se i tempi scendono vertiginosamente giro dopo giro assestandosi nella corsia bianca intorno ai 7".
Dopo 28 minuti di gara il sistema di cronometraggio stacca la corrente e stila la classifica. Torchio vince la gara e di conseguenza il campionato in sicurezza su Maggiora che arriva secondo. Ottima prestazione per lui, secondo a due giri e qualche settore. Ancora una volta le prestazioni dei due piloti dello Slot Club Asti Calabroni Rossi, se messi sotto pressione, si discostano di poco. Maggiora infatti partito penalizzato di due giri taglia il traguardo con 2 giri e qualche settore di svantaggio su Torchio.
Finale riesce a prevalere su Vai ma nella classifica assoluta generale poco importa. Vai mantiente saldamente il terzo posto e sale sul gradino del podio in una categoria che all'inizio noin sembrava offrire per lui grandi opportunità.

A campionato concluso viene da sè tirare le somme di quello che è accaduto in queste gare.
E da subito si può vedere come molti piloti siano migliorati e non di poco nelle prestazioni generali, sia come tempi che ritmo di gara. Vai, Finale, Bottino stanno trovando il giusto passo per insidiare le posizioni al vertice. Sia Vai che Finale hanno conquistato una pole, a significare che vettura e pilota ci sono e vanno forte. Occorrerà lavorare ora sul passo e ritmo gara per concretizzare gli sforzi. Peccato per Ledda che a causa di un infortunio esce subito dai giochi senza poter impensierire nessuno. Il Veloce pilota torinese ha già fatto segnare in passato risultati importanti e forse questo campionato avrebbe potuto cambiare faccia se ci fosse stato. Ancora qualche passo da fare per Orzano e Casale ma anche per loro l'allenamento giocherà un ruolo fondamentale, soprattutto adesso che si sono affacciati giovani piloti in grado di crescere velocemente e impensierire fin dalle prossime gare del 2017 la "coda" dei veterani.

Si è parlato molto in questi giordi di quelle che potrebbero essere le future categorie stagionali, ma certametne questa, la gruppo C, sarà una delle basi sulla quale lavorare per crescere tutti assieme.
Arrivederci dunque al 2017!

CAMPIONATO WINTER CUP 2016 GRUPPO C

  1. TORCHIO MASSIMO - Porsche 962C 85
  2. MAGGIORA MAURIZIO - Porsche 962c KH
  3. VAI PAOLO - Porsche 962c KH