La prima di Torchio nella 500

Il pilota di Vallebaciglio è il più veloce di tutti.

Nuovo appuntamento con la velocità. Questa volta ritornano in scena le piccole di casa NSR con il Trofeo Abarth 500.

In una gara che ha visto la defezione di due piloti, Maggiora e Spada, è Torchio a salire sul gradino più alto del podio lasciandosi alle spalle due velocissimi piloti, Finale e Massasso, che seppur guidando una vettura dalle prestazioni sul giro di tutto rispetto, non si sono dimostrati così costanti nel corso della gara. Proprio alcuni errori di troppo hanno alla fine segnato la loro gara con Finale in seconda posizione dopo aver agguantato l’ennesima pole position, a dimostrazione del potenziale della sua vettura, e Massasso sul gradino più basso del podio in cerca di un assetto che gli permetta di essere più incisivo durante tutta la gara.

Tre diverse batterie con scontri diretti. Nella prima sono Bottino, Mollo e Sorge a darsi battaglia. La spunta Sorge con una vettura decisamente divertente e dalle prestazioni sincere. Grazie anche all’ottimo feeling trovato con il pulsante ha saputo piazzarsi ottimamente in quarta posizione posizione. Alle sue spalle la lotta si è fatta serrata tra Bottino e Mollo  staccati fra loro di soli 2 giri in favore del “postino volante”.

Massasso va in pista con Orzano. I due lottano fin da subito con Orzano che riesce a tenere a bada Massasso anche nelle corsie esterne. La vettura del pilota di Repergo però è decisamente più veloce nonostante le varie uscite di pista e ben presto, recuperato il giro di penalità della gara precedente si porta in vantaggio. Orzano cerca di contenere l’avversario ma deve cedere il passo per non rischiare troppo. La lotta fra i due piloti porta infatti Orzano a perdere una posizione nei confronti di Sorge finendo quinto.

Finale e Torchio vanno in corsia nell’ultima batteria. Fin da subito si capisce che nessuno vuole mollare. Entrambi devono recuperare i giri di penalità presi nella gara precedente per cui iniziano una serie di giri veloci che li portano ben presto ad abbattere il muro dei 12″ sia sulle corsie interne che esterne. Torchio sembra più veloce nonostante si trovi nella corsia gialla. Finale ha una guida più cauta e questo gli comporta ben presto la perdita del piccolo vantaggio accumulato.
La costanza di Torchio fa il resto. Poche uscite e una media intorno ai 12″ netti lo portano ben presto a raggiungere il primo gradino del podio, lasciando a finale la seconda piazza.

Nella prossima gara, valevole anche per il Giro d’Italia, ne vedremo sicuramente delle belle. Con il gioco delle penalità avremo Maggiora e Torchio con 4 giri in meno, poi Finale con 3, Massasso con due e Sorge con un giro da recuperare nei confronti degli avversari.
Saraà una gara interessante sotto tutti i punti di vista. Alla prossima.

Condividi l'articolo se lo trovi interessante:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp
Focus on

Potresti essere interessato a ....

Finale: veni vidi vici!

Imprendibile Finale nella sua prima gara legend. Una vettura montanta in fretta e furia appositamente per la terza gara del Campionato Legend. Una vecchia gloria con la quale il pilota

Leggi tutto »

Imprendibile Finale

Duello fino all’ultima speciale … per il secondo posto Una gara che ha visto molti copli di scena ma che ha avuto un unico filo conduttore, ovvero la costanza di

Leggi tutto »

Una vittoria sudata

Quando gli imprevisti movimentano la serata Non è certo stato facile trovare il vincitore di questo secondo appuntamento con le Abarth 500 NSR. Alla fine riesce a spuntarla Torchio dopo

Leggi tutto »